RUBRICA a cura di Enrico Pesciatini

Ekphrasis

“Il rapporto da linguaggio a pittura è un rapporto infinito. […] Essi sono irriducibili l’uno all’altra […] Ciò che si vede non sta mai in ciò che si dice. Altrettanto vanamente si cercherà di far vedere, a mezzo di immagini […] ciò che si sta dicendo”. (M. Foucault, Le parole e le cose).
Sulla scia delle parole del maestro Foucault ci avventureremo all’interno di molteplici raffigurazioni pittoriche, alla ricerca di dettagli e particolari insoliti, nell’umile tentativo di rendere “meno vano” il complesso rapporto tra parole e immagini.

*Immagine liberamente ispirata all’opera di Pere Borrell del Caso, Hujendo de la crítica (In fuga dalla critica), 1874, dipinto su tela; cm 76×63

LEGGI:

E cosa amerò se non l’enigma?

E cosa amerò se non l’enigma? 1024 489 Enrico Pesciatini

Un’analisi di “canto d’amore” di Giorgio De Chirico   Di fronte ad un quadro del periodo metafisico di de Chirico si è spesso presi da…

Come la pittura, così la poesia

Come la pittura, così la poesia 1024 683 Enrico Pesciatini

Poni in iscritto il nome d'Iddio in un locho, e ponvi la sua figura a riscontro, il vedrai quale fia più riverita.Leonardo da Vinci Il…